Terapie

Esistono diverse possibili scelte che permettono di affrontare nella maniera più immediata ed agile l’obiettivo terapeutico.
I passi che vengono fatti sono i seguenti:

I primi colloqui sono di assessment, ovvero volti ad identificare tutti gli aspetti salienti del problema e della storia personale e a portare ad una diagnosi (in caso di sofferenza psicologica diagnosticabile) o ad una strutturazione del problema, degli aspetti critici e delle risorse possibili a cui fare affidamento. Questa analisi viene fatta dal terapeuta e condivisa dal paziente. si definiscono poi gli obiettivi terapeutici per fattibilità, necessità e gerarchia. Quindi si attua il percorso terapeutico più adatto alla persona e alla situazione: psicoterapia individuale, di coppia o counselling individuale o di coppia.

Si parla di counselling quando il percorso molto più breve di una terapia, ha lo scopo di far emergere le capacitù presenti in ognuno per affrontare una situazione momentaneamente ingestibile. Si utilizzano tecniche diverse che derivano da diversi approcci non solo terapeutici (sistemiche, relazionali, auto osservazione, conversazionalismo, ecc..)

Il percorso terapeutico ha invece la particolarità di approfondire molte tematiche andando a scoprire e investigare lo spazio mentale, la modalità relazionale, l’affettività e il sentire del cliente sulla base di una impostazione e con la guida e la tecnica del terapeuta. Tale lavoro richiede un impegno maggiore in termini di tempo e porta ad far emergere tematiche relative a nuclei più caratteristici, più radicati e spesso meno consapevoli nella persona. Ne consegue un risultato più persistente e un cambiamento di portata maggiore nella vita del cliente.