Terapie

Esistono diverse possibili scelte che permettono di affrontare nella maniera più immediata ed agile l’aobiettivo terapeutico. I passi che vengono fatti sono i seguenti:

I primi colloqui sono di assessment, ovvero volti ad identificare tutti gli aspetti salienti del problema e della storia personale e a portare ad una diagnosi (in caso di sofferenza psicologica diagnosticabile) o ad una strutturazione del problema, degli aspetti critici e delle risorse possibili a cui fare affidamento. Questa analisi viene fatta dal terapeuta e condivisa dal paziente. si definiscono poi gli obiettivi terapeutici per fattibilità, necessità e gerarchia. Quindi si attua il percorso terapeutico più adatto alla persona e alla situazione: psicoterapia individuale, di coppia o counselling individuale o di coppia.

Si parla di counselling quando il percorso molto più breve di una terapia, ha lo scopo di far emergere le capacità presenti in ognuno per affrontare una situazione momentaneamente ingestibile. Si utilizzano tecniche diverse che derivano da diversi approcci non solo terapeutici (sistemiche, relazionali, auto osservazione, conversazionalismo, ecc..)

Il percorso terapeutico ha invece la particolarità di approfondire molte tematiche andando a scoprire e investigare lo spazio mentale, la modalità relazionale, l’affettività e il sentire del cliente sulla base di una impostazione e con la guida e la tecnica del terapeuta. Tale lavoro richiede un impegno maggiore in termini di tempo e porta ad far emergere tematiche relative a nuclei più caratteristici, più radicati e spesso meno consapevoli nella persona. Ne consegue un risultato più persistente e un cambiamento di portata maggiore nella vita del cliente.

Il percorso scolastico

problemi-studio

Il percorso scolastico nei suoi alti e bassi riflette spesso la percezione individuale di benessere e serenità o al contrario di difficoltà e preoccupazione che lo studente bambino, giovane e adulto che sia, stata attraversando nella propria storia di vita. Alcuni colloqui orientativi possono aiutare a definire gli aspetti critici che provocano il disagio e un percorso concordato di colloqui di counselling possono portare alla creazione di alcune nuove strategie atte a rendere più soddisfacente ed efficiente il tempo di studio, la frequentazione degli edifici scolastici e il rapporto con genitori e docenti.

Spesso i problemi che si incontrano in età evolutiva riguardano una situazione stressante e ansiogena venutasi a creare in ambito scolastico o nella gestione delle performance scolastiche in famiglia. Tali problematiche possono essere trattate dallo psicologo in accordo costante con i genitori attivando collaborazioni con i docenti ed evitando che si strutturi un atteggiamento evitante o ansioso nei confronti della scuola e dello studio. Problemi più definiti e specifici sono invece i disturbi di iperattività, di attenzione, di dislessia/discalculia, che richiedono colloqui di assessment diagnostico e trattamenti definiti, a volte da seguire in accordo con professionisti diversi per percorsi paralleli.

In età adolescenziale, l’impegno più importante richiesto dal percorso di studio può? accentuare problematiche già presenti di noia, scarsa attenzione, scarsa motivazione, ecc.. che in passato possono aver creato solo qualche disagio e vengono invece a strutturare un problema più invalidante in termini di performance scolastica e benessere personale. In questo caso, i colloqui vanno a definire le tematiche (cognitive, emotive e razionali) personali di difficoltà e le possibili soluzioni individuali o da condividere in famiglia in grado di ripristinare la serenità necessaria allo studio.

Nel periodo universitario di norma stimolante e ricco di possibilità, una difficoltà tipica quale il presentarsi e superare alcuni esami può sottendere una modalità di studio adeguata nel contesto liceale ma poco performante nell’ambito universitario che richiede una autonomia di gestione ma un risultato finale oggettivo importante. Per ottenere un percorso sereno e soddisfacente dunque importante imparare a conoscersi più a fondo per riuscire a strutturare ed implementare le strategie migliori per ogni esame e ogni prova che appaiono ogni volta differenti. In questi casi gli incontri spaziano nelle tematiche e nelle modalità di colloquio per facilitare l’autoanalisi di comportamenti e scelte rendendoli più consapevoli nei loro passaggi e collegamenti con gli eventi della propria vita personale e professionale.